★ Judal ~ ω.ι.ρ


Cusplay 2013 : coniugare cosplay e caldo non è sempre facile, anzi per tipi come me, poco propensi al sacrificio, non lo è affatto. ∠ω∠

Durante la ricerca di un “unconventional dress” di Judal (Magi the Labirynth of Magic), possibilmente leggero ma coprente e ricoperto di gioielli, improvvisamente è apparsa all’orizzonte una bellissima fan art. Perfetta. Presa, confermata. Mia!! > :3


Primo stepPALLOPARA : ribattezzata cosi’ per ovvi motivi . Adesso se ne trovano di bellissime già pronte, ma disgraziatamente 4 anni fa non c’era alcunche’ di abbordabile. Quindi sono partita in missione (non impossibile ma alquanto fetente) alla ricerca di un qualche materiale pratico e soprattutto leggero, da trasformare nel diabolico codone di Judal. Sono ritornata alla base con svariate sfere da composizioni floreali, a cui è stato fatto un bel bagno nel vinavil e nei capelli di una parrucca nera. Una volta agganciata ogni sfera all’altra, la trecciona ha superato 1.70 di lunghezza, motivo che l’ha portata a pulire gran parte del suolo delle fiere in cui son stata. σ_σ”


Secondo stepMONILUME : l’immancabile voglia di brillare mi ha costretta (seh seh) a scegliere una versione piuttosto carica di gioielli e cosi’, con i miei migliori amici “forex” & foam, acrilico, colla ed un numero non quantificabile di smalti, gemme, gemmine e perline, ho ricreato cintura e pendaglio, collane, vari braccialetti e vambracciali (mio padre mi perdonerà il ladrocinio di vari suoi m di cavo elettrico, ma erano la soluzione migliore per mantenere la rigidità “simil oro” di quelle trappole che Judal porta a collo e braccia)


Terzo stepABITO : sicuramente la parte piu’ semplice. Realizzato in lycra nera, leggera ed elastica (ma lucida). Le uniche differenze presenti con la versione originale sono una sciarpa-tracolla decorata, una sorta di pareo rosso (anche qui inutile quantificare le gemmine che ho applicato un po’ ovunque ) un lungo guanto ed un paio di sandali, magicamente ricreati con il forex, dato che non trovavo niente di somigliante in alcun negozio…ma quando mai lo trovo ?


Quarto stepPENDAGLIO E DIADEMA : si sa, le complicazioni arrivano sempre all’ultimo…e nelle cose che paion piu’ semplici. Le foglie superiori del diadema -per poter rimanere svettanti sulla parrucca- son state create unendo due pezzi di foam con un’anima di lega, mettendo da parte materiale plastico:  scelta che le rende si’ leggere, ma piuttosto delicatine (meglio evitare urti in stile ariete insomma), ed a loro volta incastrate in una semiluna di forex, con piume rosse, pendagli di perline e quant’altro.  Stesso discorso per l’indefinibile forma del pendaglio della cintura. Dopo un inutile tentativo di realizzarlo in forex ed il relativo crollo di cinta, pareo e pantaloni ho optato per il solo foam…et voilà.


Ultimo stepBACCHETTA: qui il mio masochismo è andato a creare una bacchetta che si illumina…solo la sera. Il puntale  (grazie “antico strano fiore di Pupa”) è dotato di un piccolissimo led rosso, che si accende premendo il fondo del manico. Di giorno non se ne accorgerà nessuno….ma bhe capitasse mai di portarlo di notte …mi vedrete!!  B/



Chinese (Simplified)DutchEnglishFrenchGermanGreekItalianPortugueseRussianSpanish